Il Premio Rete Critica 2016

retecritica_vicenza_2015

L’edizione 2016 del Premio Rete Critica presenta una formula inedita per assegnare il riconoscimento più innovativo del teatro italiano. Il Premio Rete Critica 2016 si articolerà in due fasi.

Sul palco del Piccolo Teatro in occasione del Premio Rete Critica 2015

Sul palco del Piccolo Teatro in occasione del Premio Rete Critica 2015

La prima fase, che avrà il culmine al Teatro Olimpico di Vicenza l’1-2 ottobre 2016, porterà alla designazione delle terne dei finalisti.
La seconda fase si svolgerà invece a Padova, tra il 13 e 15 dicembre 2016, dove al Teatro Verdi verranno presentati in una breve rassegna i tre lavori-gruppi finalisti e si procederà alla proclamazione dei vincitori.
Vicenza e Padova ospiteranno anche due incontri aperti: a Vicenza si discuterà della funzione e dello sviluppo dei festival, mentre a Padova al centro della riflessione sarà la funzione pubblica del teatro.
Il progetto è reso possibile dalla collaborazione di Rete Critica con la Accademia Olimpica-Laboratorio Olimpico (un rapporto che procede da quattro anni) e con il Teatro Stabile del Veneto-Teatro Nazionale. Un utile strumento per i votanti è l’elenco delle produzioni della stagione 2015/2017, curato da Associazione Ubu per Franco Quadri, Associazione Culturale Ateatro e Il Tamburo di Kattrin.

Il regolamento del Premio Rete Critica 2016

Al premio Rete Critica possono votare siti e blog di informazione e critica teatrale che abbiamo visibilità in rete, con una identità e continuità redazionale riconoscibili.
I promotori del premio vagliano eventuali candidature e autocandidature.
L’elenco dei votanti è pubblicato nella home page del sito Rete Critica.

1. (candidature e segnalazioni). Ogni sito/blog può segnalare un massimo di cinque candidature, relative a iniziative dell’ultima stagione, di cui almeno una per ciascuna di queste categorie:

a. spettacolo, compagnia (il periodo di riferimento è 1° settembre 2015-31 agosto 2016; il riferimento è l’elenco delle produzioni della stagione 2015/2017, curato da Associazione Ubu per Franco Quadri, Associazione Culturale Ateatro e Il Tamburo di Kattrin);
b. progettualità/organizzazione;
c. strategie comunicative virali.

Le altre due segnalazioni sono libere.

Tutte le segnalazioni dovranno essere corredate da una breve motivazione. Le segnalazioni e le relative motivazioni dovranno pervenire alla casella circocritico@libero.it entro e non oltre il 20 settembre 2016. Verranno rese pubbliche e si potranno leggere in questa pagina.

2. (ammissione al primo turno). Partecipano al primo turno in ciascuna delle tre categorie i candidati che abbiamo ricevuto almeno due segnalazioni dai siti/blog, più eventuali recuperi. L’elenco aggiornato dei candidati sarà disponibile in questa pagina.

3. (recuperi). Ciascun sito/blog può indicare un candidato (uno solo) già segnalato da altri, che parteciperà al primo turno insieme ai candidati di cui al punto 2. Le segnalazioni per i recuperi devono essere pubblicate come commenti alla pagina delle segnalazioni sul sito di Rete Critica entro il 25 settembre 2016 alle ore 24.00.

4. (primo turno). Le votazioni per il primo turno, secondo il principio “un voto per ogni sito/blog”, si terranno tra il 30 settembre e il 2 ottobre 2016 a Vicenza. I voti dovranno pervenire entro le ore 12.00 del 1° ottobre 2016 e verranno resi pubblici sul sito di Rete Critica.

5. (ballottaggio). Al ballottaggio parteciperanno i due candidati che avranno ricevuto il maggior numero di voti al primo turno per ciascuna categoria (in caso di ex aequo, i candidati al ballottaggio possono essere più di due). Le votazioni per il ballottaggio, secondo il principio “un voto per ogni sito/blog”, si terranno a Padova tra il 13 e il 15 dicembre, nell’ambito di Rete Critica a Padova. Chi non ha partecipato alla votazione per il primo turno non avrà diritto di voto al secondo turno. I risultati verranno resi noti in tempo reale sul sito di Rete Critica.

Verranno proclamati vincitori i candidati che avranno ottenuto il maggior numero di voti in ciascuna categoria. Se più candidati otterranno lo stesso numero di voti, verranno proclamati vincitori ex aequo.

Il Premio Rete Critica 2015 con le votazioni e i vincitori: CollettivOCineticO, Archivio Zeta, Volterra Festival.

Il Premio Rete Critica 2013: Alessandro Sciarroni.

Il Premio Rete Critica 2012: Daniele Timpano.

Il Premio Rete Critica 2011: Menoventi.

Premio Rete Critica: appuntamento il 30 novembre al Piccolo Teatro

Gli Omini, Case Matte e Puglia Off vincono il Premio Rete Critica 2015

La consegna in occasione del Premio Ubu al Piccolo Teatro Paolo Grassi di Milano il 30 novembre novembre

Il Premio Rete Critica, assegnato da oltre 30 siti e blog di informazione, critica e cultura teatrale, verrà assegnato in occasione del Premio Ubu al Piccolo Teatro Paolo Grassi di Milano il 30 novembre alle ore 18.30. Per la deliberazione finale, Ia giuria si è riuniita a Vicenza in occasione del convegno “Blasphemìa. Il teatro e il sacro”, (7 e 8 novembre).

Il Premio Rete Critica, giunto alla quinta edizione, segnala realtà e artisti innovativi, su cui investire in ricerca e studio per seguire negli anni la loro poetica. Rete Critica è al lavoro per pubblicare una serie di saggi che ollustrino le carriere e le scelte artistiche dei vincitori delle precendenti edizioni.

I vincitori dell’edizione 2015

Categoria spettacolo, compagnia: GLI OMINI

(www.gliomini.it)

omini_1

La compagnia, fondata nel 2006, è oggi, in Italia, una delle poche formazioni corali che non si limita a sommare diverse competenze artistiche ma le moltiplica a partire dalla centralità dell’attore. Il loro metodo di raccolta “sul campo” che fonde l’indagine antropologica, basata sull’osservazione del quotidiano, e la ricerca drammaturgica, precipitata in una scrittura che concilia la filiera della drammaturgia classica con quella vernacolare e pop, negli ultimi esiti spettacolari ha saputo raccontare aspetti importanti dell’Italia dei nostri anni, attraverso una teoria di personaggi malinconici, disperati, esilaranti sostenuti da una comicità aguzza e corrosiva e da una recitazione credibile, precisa, minuta.

Categoria progetto/organizzazione: CASE MATTE DI TEATRO PERIFERICO

(www.teatroperiferico.it/altri-appuntamenti/programma-case-matte/)

case-matte

In una nazione che occulta la sua storia e lascia decadere le ex strutture manicomiali la caparbietà di Paola Manfredi e del gruppo che con lei ha condiviso il percorso ha voluto “sottrarre all’oblio un’infinità di vite, di racconti, poesie, creazioni […]. Ma c’è anche un secondo obiettivo: quello di reclamare un uso partecipato degli spazi degli ex manicomi non ancora ristrutturati. Oggi molti di essi sono abbandonati e oggetto di vandalismo, mentre potrebbero essere salvati e in qualche modo

riconvertiti in luoghi di cultura)”.A partire dallo spettacolare Mombello.Voci da dentro il manicomio, un viaggio all’interno del mondo della follia e dell’internamento (con tutte le sue abiezioni), il percoso ha toccato nel’autunno 2015 otto ex Istituti psichiatrici in tutta Italia, attraverso una serie di attività spettacolari e non, che hanno sensibilizzato, attivato e messo in rete le realtà che operano nei diversi territori.

Categoria Strategie comunicative virali: PUGLIA OFF

(www.pugliaoff.it)

pugliaoff2_logo

Una strategia che risponde alle esigenze della teatralità territoriale, promuove e crea sinergie tra locale e nazionale, facendo rete: s’adopera all’incontro, alla messa in comune di competenze ed esigenze diversificate; genera nuove opportunità produttive e distributive. E’ un progetto under per il teatro under, in cui la strategia comunicativa diventa pratica concreta, esercizio organizzativo effettivo, spettacoli.

Per info: https://retecritica.wordpress.com

Gli Omini, Case Matte di Teatro Periferico e Puglia Off vincono il Premio Rete Critica 2015

Rete Critica a Vicenza_2015
Rete Critica a Vicenza_2015

A Vicenza, al termine del convegno Blasphemìa. Il teatro e il sacro, che si è tenuto il 7 e 8 novembre nell’ambito del decennale dell’Accademia Olimpica nell’Odeo del Teatro Olimpico, è stato assegnato il Premio Rete Critica.
Giunto alla quinta edizione, il riconoscimento è assegnato da una giuria di oltre 30 siti e blog di teatro ed è articolato in tre categorie. Il regolamento del Premio Rete Critica, i vincitori delle precendenti edizioni, le segnalazioni e i voti della giuria si possono leggere alla pagina Premio Rete Critica 2015.

a. Spettacolo, compagnia: GLI OMINI
(http://www.gliomini.it/)

La compagnia, fondata nel 2006, è oggi, in Italia, una delle poche formazioni corali che non si limita a sommare diverse competenze artistiche ma le moltiplica a partire dalla centralità dell’attore.
Il loro metodo di raccolta “sul campo” che fonde l’indagine antropologica, basata sull’osservazione del quotidiano, e la ricerca drammaturgica, precipitata in una scrittura che concilia la filiera della drammaturgia classica con quella vernacolare e pop, negli ultimi esiti spettacolari ha saputo raccontare aspetti importanti dell’Italia dei nostri anni, attraverso una teoria di personaggi malinconici, disperati, esilaranti sostenuti da una comicità aguzza e corrosiva e da una recitazione credibile, precisa, minuta.

b. Progettualità/organizzazione: CASE MATTE DI TEATRO PERIFERICO
(http://www.teatroperiferico.it/altri-appuntamenti/programma-case-matte/)

In una nazione che occulta la sua storia e lascia decadere le ex strutture manicomiali la caparbietà di Paola Manfredi e del gruppo che con lei ha condiviso il percorso ha voluto “sottrarre all’oblio un’infinità di vite, di racconti, poesie, creazioni […]. Ma c’è anche un secondo obiettivo: quello di reclamare un uso partecipato degli spazi degli ex manicomi non ancora ristrutturati. Oggi molti di essi sono abbandonati e oggetto di vandalismo, mentre potrebbero essere salvati e in qualche modo riconvertiti in luoghi di cultura)”.
A partire dallo spettacolare Mombello.Voci da dentro il manicomio, un viaggio all’interno del mondo della follia e dell’internamento (con tutte le sue abiezioni), il percoso ha toccato nel’autunno 2015 otto ex Istituti psichiatrici in tutta Italia, attraverso una serie di attività spettacolari e non, che hanno sensibilizzato, attivato e messo in rete le realtà che operano nei diversi territori.

c. Strategie comunicative virali: PUGLIA OFF
(http://www.pugliaoff.it/)

Una strategia che risponde alle esigenze della teatralità territoriale, promuove e crea sinergie tra locale e nazionale, facendo rete: s’adopera all’incontro, alla messa in comune di competenze ed esigenze diversificate; genera nuove opportunità produttive e distributive. E’ un progetto under per il teatro under, in cui la strategia comunicativa diventa pratica concreta, esercizio organizzativo effettivo, spettacoli.

#ReteCritica: i risultati del primo turno

rete_critica_vicenza_1

Spettacolo compagnia

Gli Omini 11 voti
Oscar De Summa 5 voti
Alcesti con la regia di Massimiliano Civica 4 voti
Quotidiana.com 3 voti
Stabile Mobile – Compagnia Antonio Latella 2 voti
Scannasurice 2 voti

Progetto/organizzazione

CaseMatte 6 voti
Zona K 5 voti
Primavera dei Teatri 4 voti
Carla Pollastrelli per la curatela dell’opera completa di Jerzy Grotowski 2 voti
FFJelinek 2 voti
Fabulamundi 2 voti
Teatri di Vetro 2 voti

Comunicazione

Puglia Off 4 voti
Trasparenze 2 voti
Crest Taranto 2 voti
Le Stanze 2 voti